Crea sito

“Gli insospettabili” – improbabili testimoni, Sarah Savioli

Il romanzo “Gli insospettabili” è il romanzo d’esordio di Sarah Savioli e pubblicato nel 2020. L’autrice ha svolto per più di dieci anni attività di perito tecnico- scientifico forense. Lasciato il lavoro per motivi personali, si è dedicata alla scrittura, arrivando per due volte finalista nel concorso “Romanzi in cerca d’autore” indetto da Kobo e Mondadori.

Anna ha quarant’anni, vive con il figlio Luca, il marito Alessandro, il gatto Banzai e un ficus. La sua vita sembra una vita normale, ma la protagonista nasconde un grande segreto. A seguito di un piccolo ematoma cerebrale, Anna riesce a comunicare con piante e animali.

Questa sua insolita e straordinaria capacità, oltre a farle riscoprire la vita da un punto di vista completamente nuovo, le permette di trovare un impiego molto particolare: diventa collaboratrice della squadra dell’agenzia investigativa del burbero investigatore privato Cantoni. Oltre al titolare, i colleghi di Anna sono il napoletano Tonino, gigante dal cuore d’oro, e Otto, un alano arlecchino che li accompagna in tutte le indagini.

Stavolta l’agenzia investigativa per cui lavora Anna viene coinvolta nelle indagini sulla morte del giovane Armando, precipitato dalla finestra del suo appartamento. Ex tossicodipendente, il ragazzo era uscito da poco da una comunità di recupero e sembrava pronto per cominciare una nuova vita. Grazie alle ricerche di Cantoni e Tonino ed agli insoliti interrogatori di Anna, il caso si rivela essere più complicato del previsto. L’omicidio di Armando, inizialmente etichettato come delitto per spaccio di droga finito male, risulta essere la punta di trame molto diverse tra loro, intrecciate in una sventurata treccia, che porta al tragico finale.

Il romanzo “Gli insospettabili” corre su due piani paralleli, così come la figura di Anna racchiude due persone molto diverse tra loro. Da una parte troviamo la Anna moglie, mamma e sorella, che cerca disperatamente di arrivare in orario all’asilo a prendere il figlio e di non litigare ai pranzi in famiglia. Questa Anna vive una vita normale, sempre di corsa ma priva di grandi scossoni.

Dall’altra parte troviamo invece una Anna completamente diversa. Questa donna non vede l’ora di essere chiamata per indagare su un nuovo caso. Non è molto interessata ai rapporti con i propri simili (lei stessa si definisce un orso), ma smania dalla voglia di conversare con i cactus e le cocorite. Le piante e gli animali sono completamente diversi dagli uomini, a volta risulta difficile richiamare la loro attenzione ed entrare in sintonia, a volte sembrano parlare per enigmi.

I due racconti paralleli hanno entrambi come filo conduttore l’ironia. La protagonista, che racconta le vicende in prima persona, è molto autocritica e spesso si burla dei suoi stessi comportamenti. La troviamo così a giocare con il figlio a fare i pinguini e a chiedersi allo stesso tempo cosa sta facendo. La vediamo litigare con un asino cocciuto che si sente sminuito dai cavalli e vorrebbe sovvertire l’ordine mondiale. Durante le indagini, Anna riceverà qualche dritta da un piccione aspirante suicida, stanco di vivere con i suoi simili che giudica troppo stupidi, e da due tartarughe d’acqua sclerotiche, che vivono nel loro mondo.

Alcuni animali, come il pastore tedesco Rocky che abita con un’anziana signora vicino alla scuola del figlio Luca, sono molto saggi, e i dialoghi con loro rappresentano vere e proprie lezioni di vita.

Un romanzo insolito, raccontato dalla voce di Anna, una donna semplice che non ha familiarità con il lavoro che svolge, sfrutta solo il suo talento particolare. In quanto mamma, Anna non riesce a non farsi coinvolgere emotivamente, prova pena per la madre di Armando, e cerca di vedere il buono in ogni persona che incontra, anche nei criminali. Una trama che vede gli animali e le piante al centro, e perde un pochino l’antropocentrismo a cui siamo tanto abituati. Una storia che vede un lieto fine solo in parte, proprio come la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.